.
Annunci online

UNIVERSOPOLITICO
blog di attualità e di cultura politica
POLITICA
8 febbraio 2009
Carta filosovietica...Berlusconi vergognati!!!
Ancora una volta Silvio Berlusconi, approffittando cinicamente del conflitto istituzionale generatosi con il Capo dello Stato relativamente alla triste vicenda di Eluana, attacca senza cognizione di causa la Costituzione Italiana, che a suo dire impedisce ai governi di governare e finisce per definire la nostra Carta filosovietica...

Al di là della pazzia di un uomo che crede di poter dire ciò che vuole (per una cosa del genere altri governi sarebbero caduti), resta la pericolosità dell'azione politica di questo soggetto.
Sputare fango addosso alla Costituzione sulla quale ha più volte giurato, significa avere disprezzo del Paese in cui si vive, e significa ancor più avere disprezzo per le istituzioni e per gli uomini che le rappresentano (il Presidente Napolitano).

Ancor più preoccupante è poi il rimbambimento del popolo italiano che lascia cadere su di se fatti e misfatti di un leader populista, che crede di vivere in una repubblica sudamericana dove, là sì, si cambia costituzione ogni volta che cambia un governo, ed i risultati sono tangibili da ognuno di noi.

Il disprezzo per li Istituzioni e per le idee altrui sono il paradigma dell'agire berlusconiano, sono l'oscura trama che lega un'amalgama politica priva del senso dello Stato, sono la triste conclusione di una Repubblica che nonostante difficoltà e tragedie ha sempre resistito a chi le passava sotto...questa volta sembra non essere così!!!
 


 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. costituzione berlusconi eluana

permalink | inviato da Francesco Adduci il 8/2/2009 alle 11:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
POLITICA
30 gennaio 2009
Chi ha paura del 4%
 Ancora una volta ci troviamo a dover fronteggiare l'assalto dei piccoli partiti, che benchè bocciati dal popolo, continuano a pretendere di decidere su importanti questioni.
La riforma della legge elettorale per il rinnovo dei parlamentari europei, che prevede uno sbarramento al 4%, è oggetto di attacchi da parte di una serie di piccoli partiti che ambiscono alla rappresentanza comunitaria.

Ma chi sta protestando?
Beh protestano una serie illimitata di partiti, pseudopartiti e movimenti che ritengono la soglia del 4% antidemocratica.
A mio parere l'individuazione di tale soglia è invece un gesto di responsabilità nei confronti del popolo. E' un gesto di rispetto nei confronti di quegli elettori che con il loro voto si esprimono e scelgono i propri rappresentanti.

Farebbero meglio i vari Ferrero, Mastella, i Verdi, la Sinistra Democratica, il Partito delle Autonomie e tutti gli altri, a cercare di convincere gli elettori a dar loro la propria preferenza sulla base di progetti e programmi seri e credibili, piuttosto che fare inutili sit-in di protesta nel tentativo di aggirare la democrazia con studiati sistemi elettorali.

Non se la prendano ne con Veltroni ne con Berlusconi, se la prendano con loro stessi e con la loro incapacità di generare consenso, facciano un'analisi della loro proposta politica e infine esaminino bene il perchè gli italiani li escludono.

La democrazia è rappresentanza, ma anche e soprattutto rispetto delle scelte della gente onesta che esprime il proprio voto.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. europee2009

permalink | inviato da Francesco Adduci il 30/1/2009 alle 10:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio